The Owl Pages

\

owllogo

The Daily Owl
Italian Journal of Psychology and Internet
Psicologia Online

WebPsych Partnership Member

ARCHIVIO

nelle pagine dell'archivio si ritrova la storia di
Italian Journal of Psychology and Internet - Psicologia Online
ma anche la storia della psicologia italiana e mondiale in rete
dal 1996 al 2000
(i link alle pagine web o alle immagini possono risultare datati e dunque errati)


Watch live streaming video from artemente at livestream.com

mercoledì 2 maggio 2007

Blue Gene riesce a malapena a simulare per 10 secondi l'attività cerebrale di una parte di un cervello di topo

L'esperimento condotto da ricercatori dell'IBM e dell'università del Nevada
Simulata l'attività cerebrale dell'animale: otto milioni di neuroni, ognuno con 8.000 sinapsi

Il cervello di un topo
riprodotto dal computer

http://www.repubblica.it


Il cervello di un topo riprodotto dal computer

WASHINGTON - Otto milioni di neuroni, ognuno in grado di sviluppare fino a 8000 sinapsi con altre fibre nervose. Il cervello, anche quello di un animale piccolo come il topo, è una struttura unica e molto complessa: eppure un gruppo di ricercatori americani è riuscito a simularne l'attività grazie ad un super computer, il Blue Gene L. Il team ha replicato virtualmente l'attività corticale dell'animale, pari alla metà di quella di un cervello normale di topo. Il prossimo passo sarà poi quello di velocizzare le operazioni, per renderle ancora più simili a ciò che realmente accade nella mente dell'animale.

La simulazione dell'attività dei tessuti cerebrali presenta moltissime difficoltà per la sua complessità e per il numero di possibili interazioni fra i diversi elementi. Ma James Frye, Rajagopal Ananthanarayan e Dharmendra S Modha, dell'IBM Almaden research lab e dell'università del Nevada, sono riusciti nell'impresa. La simulazione è stata fatta con Blue Gene L, che ha 4096 processori, ognuno dei quali usa 256 MB di memoria.

L'operazione ha messo a dura prova anche un colosso come Blue Gene, ed è durata solo dieci secondi, ad una velocità dieci volte inferiore a quella della vita reale, per l'animale. In futuro, gli scienziati sperano di arrivare ancora più avanti, velocizzando il processo, aggiungendo strutture osservate nel cervello dell'animale e rendendo le risposte dei neuroni e l'attività delle sinapsi ancora più accurate.

(30 aprile 2007)

Nessun commento: